SPEDIZIONE GRATUITA FINO A NATALE -  REGALA LA SOSTENILBILITA' A NATALE!
Giornata internazionale dei diritti dei bambini
#rightsforchildren

Oggi è la giornata internazionale dei diritti dei bambini. Questo perché il 20 novembre coincide con il giorno in cui l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato la Dichiarazione dei Diritti del Bambino nel 1959 e la Convenzione sui Diritti del Bambino nel 1989. La Convenzione riconosce i diritti civili, economici, sociali e culturali di tutti i bambini. 
 

Questa giornata dà a ciascuno di noi un punto di partenza stimolante per sostenere, promuovere e celebrare i diritti dei bambini e tradurli in dialogo e azione per creare un mondo migliore per loro. 
 

Madri e padri, insegnanti, infermieri e medici, funzionari governativi e attivisti della società civile, religiosi e anziani della comunità, magnati aziendali e professionisti dei media, così come giovani e bambini stessi, possono giocare un ruolo importante nel rendere la Giornata Mondiale dei Bambini rilevante per le loro società, comunità e nazioni. 
 

La povertà sta diminuendo nel mondo, eppure i bambini sono le prime vittime. Soprattutto il lavoro minorile è diventato un forte argomento di discussione dopo gli scandali delle catene di fast fashion, eppure ci sono ancora bambini che devono rinunciare alla loro istruzione per sostenere le loro famiglie. All'inizio del 2020, circa 160 milioni di bambini erano vittime del lavoro minorile, e altri 9 milioni di bambini sono a rischio a causa dell'impatto del COVID-19. Ovvero quasi un bambino su 10 in tutto il mondo. Tra questi, la metà svolge un lavoro pericoloso che minaccia direttamente la loro salute e il loro sviluppo.

Le conseguenze sono devastanti. Il lavoro minorile può portare a danni fisici e mentali estremi e persino alla morte. Può portare alla schiavitù e allo sfruttamento sessuale o economico. E in quasi tutti i casi, i bambini sono esclusi dalla scuola e dall'assistenza sanitaria, limitando i loro diritti fondamentali e minacciando il loro futuro.

I gruppi per i diritti umani hanno documentato ampie testimonianze dell'uso del lavoro minorile nella coltivazione del cotone. Per esempio, ogni anno tra 1,5 e 2 milioni di bambini in Uzbekistan sono costretti a lavorare durante la raccolta del cotone. Questa pratica è sanzionata dallo Stato. Le scuole possono essere chiuse per circa tre mesi durante il periodo del raccolto, e il personale ha il compito di assicurare che i bambini lavorino nei campi durante questo periodo. 
 

Cosa puoi fare personalmente qualcosa contro il lavoro minorile? Comprare prodotti di cotone prodotti da un fornitore di cotone eticamente certificato, come il GOTS, che è il leader mondiale nella definizione di standard per la lavorazione tessile di fibre organiche. Come consumatore, hai il potere di scegliere di non utilizzare il lavoro minorile e di comprare solo da aziende che hanno una catena di approvvigionamento trasparente e dove le condizioni di lavoro eque sono un must. 
 

Il nostro piccolo contributo CORA è che scegliamo solo produttori che garantiscono condizioni di lavoro eque e sostenibili. Visitiamo anche regolarmente i nostri produttori per vedere di persona se il clima e le condizioni di lavoro soddisfano le nostre aspettative. Inoltre, attraverso la ONLUS Plan International Italia, sosteniamo i bambini dei paesi meno privilegiati affinché possano andare a scuola. Per noi, il diritto all'istruzione è uno dei più importanti diritti dei bambini e il primo passo verso questo come azienda è battersi contro il lavoro minorile!  

 Stay happy con i tuoi bimbi! 

Your CORA happywear team 

LINKS: https://www.un.org/en/observances/world-childrens-day
https://www.unicef.org/protection/child-labour https://www.commonobjective.co/article/child-labour-in-the-fashion-industry 
https://www.worldvision.com.au/docs/default-source/buy-ethical-fact-sheets/forced-and-child-labour-in-the-cotton-industry-fact-sheet.pdf?sfvrsn=2 

in Blog
A DAILY DOSE OF...
#INSPIREUS!